La Siria è il posto più letale per essere un operatore umanitario

Un rapporto sulle attività umanitarie nelle regioni più pericolose colpite dai conflitti, dove il personale locale delle ONG è sempre più a rischio

Nei primi sei mesi del 2020 è stato registrato un forte aumento di attacchi letali a personale umanitario, con la Siria in cima alla lista dei luoghi più mortali per un operatore umanitario.

Da gennaio sono stati registrati complessivamente 74 decessi a livello globale, con un aumento del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La Siria è stata responsabile di oltre un quarto di queste morti.

Secondo l’analisi di Care International che utilizza i dati del Aid Worker Security Database, venti delle morti nel 2020 si sono verificate in Siria e 14 in Sud Sudan.

“La maggior parte degli operatori umanitari è costituita da personale: sono gli addetti alla raccolta dei rifiuti, gli autisti dei camion, le infermiere, gli operatori sanitari e gli assistenti dei servizi comunitari”, ha dichiarato Sally Austin, responsabile delle operazioni di emergenza di Care International, presentando il rapporto Aid Worker Security Report 2019.

L’alto numero di attacchi contro gli operatori umanitari è in aumento rispetto all’anno scorso, quando 483 operatori umanitari sono stati uccisi, rapiti o feriti. Era il più alto mai registrato, secondo il gruppo di ricerca indipendente Humanitarian Outcomes.

Il maggior numero di attacchi, come detto, è avvenuto in Siria, seguita dal Sud Sudan, dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC), dall’Afghanistan e dalla Repubblica Centrafricana. Si tratta degli stessi cinque Paesi che nel 2018 hanno rappresentato oltre il 60% di tutti gli incidenti nel mondo. 

Nel 2019 si sono aggiunti lo Yemen e il Mali, che, secondo Humanitarian Outcomes, hanno visto raddoppiare il numero di attacchi dell’anno precedente.

Uccidere gli operatori umanitari ha conseguenze pericolose per le comunità e per i Paesi in cui gli aiuti vengono forniti. Oltre al fatto che gli attacchi agli operatori umanitari sono chiare violazioni del diritto umanitario internazionale rispetto ad attori neutrali.

Mercy Laker, vice direttore dei programmi per Care South Sudan, ha detto al Guardian che gli operatori umanitari sono abitualmente “vittime di ingiuste molestie, detenzioni illegali, banditismo e una serie di altre aggressioni durante il loro lavoro. Molto spesso si deve decidere se fornire interventi salvavita alle comunità che ne hanno bisogno o se evacuare il proprio personale, che non è una posizione piacevole in cui trovarsi”. Gli operatori umanitari sono spesso coinvolti nel fuoco incrociato perché qui in Sud Sudan sono spesso membri della comunità stessa”, ha detto.

Le ONG sono uno dei maggiori datori di lavoro in questo paese, soprattutto in località remote, e l’uccisione per vendetta è una pratica molto comune, quando il bersaglio è un membro influente di una famiglia, che il più delle volte è qualcuno che lavora per una ONG.

Gli attacchi contro gli operatori umanitari sono stati anche collegati alla disinformazione e alle paure che circondano la Covid-19 e altre malattie. Secondo Humanitarian Outcomes, più della metà (15) dei 27 attacchi segnalati nella RDC nel 2019 erano diretti contro gli operatori sanitari che rispondevano all’Ebola. Di questi, un terzo, secondo quanto riferito, è stato commesso da membri della comunità che hanno agito per paura della malattia e dalle persone che vi hanno risposto.

Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati, che impiega circa 15.000 operatori umanitari in tutto il mondo, ha affermato che la comunità internazionale deve fare molto di più per proteggerli.

“Sono davvero preoccupato che ci saranno ancora meno operatori umanitari in grado e disposti a rimanere e a fornire aiuti nelle aree di conflitto più colpite in futuro”, ha detto.”Vediamo già meno gruppi in grado di rimanere e consegnare nelle peggiori aree di conflitto e temo che in futuro sarà ancora più sottile. Abbiamo bisogno che governi, donatori, diplomatici, leader militari e politici facciano di più per proteggere i nostri operatori umanitari. Ci deve essere un prezzo più alto per coloro che ora possono attaccare con apparente impunità”.

Link: REPORT

di Christian Elia